eCoaching & Mentoring

Messa a punto dell’ultimo miglio organizzativo (a livello sia individuale che collettivo)

eCoaching è una modalità di coaching specificamente pensato per supportare e completare (personalizzandola) la trasformazione digitale delle pratiche di lavoro all’interno di un grande progetto di digital transformation. Il confronto personale e “ riservato” consente di entrare nelle specificità dell’ultimo miglio organizzativo e cucire “su misura”.
È infatti nell’”ultimo miglio” che avviene l’interazione e il collegamento fra la tecnologia digitale (e le sue “procedure”) e le dimensioni più propriamente umane (i cosiddetti soft factor): passioni e timori, false credenze e stereotipi, autoinganni (ad es. nell’uso del proprio tempo), abitudini, astuzie, pratiche di team-work, … che non possono che definirsi by doing e che sono i veri driver della produttività personale.
Tale modalità di empowerment consente, inoltre, di affrontare temi particolarmente delicati (ad esempio domande che possono far sembrare chi le pone, incompetente o non più al passo con i tempi) che non possono essere affrontati in sessioni formative collettive.
Per garantire la massima efficace il coaching andrà, naturalmente, integrato con un piano formativo articolato sul digitale, con aggiornamenti continui, riletture periodiche delle novità digitali, e la creazione di una comunità di pratica che consenta gli scambi più informali e legati agli aspetti quotidiani della trasformazione digitale (e soprattutto centrato più sull’educazione che non sull’alfabetizzazione).
Uno dei compiti più importanti dell’eCoaching è sterilizzare le false credenze e gli stereotipi legati al digitale e mettere in luce le dimensioni problematiche (i lati oscuri) che già inficiano – anche se spesso in modo inconsapevole – la performance “digitale” del coachee.
In questi incontri si uniscono i temi aziendalmente “caldi” e le specificità ed esigenze personali, permettendo al coachee di ridefinire al meglio quella parte del proprio lavoro che non ha “prescrizioni” aziendali e richiede quindi “creatività” e spirito di iniziativa.

Un intervento di eCoaching è dunque articolato nel seguente modo:

  • Gli incontri – della durata di un’ora circa – vanno tenuti con una cadenza ideale mensile, per un periodo di 3-6 mesi a seconda della tipologia di intervento organizzativo
  • Il primo incontro contiene anche la definizione del piano di intervento personalizzato, gli obiettivi e la condivisione su cosa deve rimanere al di fuori dell’intervento (ad es. temi più personali/motivazionali o momenti più tradizionalmente addestrativi)
  • Risulta particolarmente efficace far precedere l’intervento con un questionario ai futuri coachee. L’obiettivo di questa rilevazione è far emergere non solo le aree di interesse, i livelli di consapevolezza sul tema e gli stereotipi e timori non dichiarati legati al digitale
  • Alla fine dell’intervento verrà predisposta una relazione conclusiva fatta in maniera aggregata per tutti i coachee; tale relazione terrà traccia del punto di partenza e del lavoro fatto, per mettere in luce quelle dimensioni (cause, specificità di contesto , strumenti e azioni da adottare, …) che possono beneficiare da un’azione organizzativa di tipo collettivo, che va cioè oltre le azioni individuali messe in campo

Oltre all’eCoaching, Kanso gestisce anche attività di Mentorship, principalmente con le Start-up che vogliono crescere, o con imprenditori o manager con specifici obiettivi di crescita, o progetti particolarmente sfidanti da condurre. La differenza principale con il Coaching sta – nell’approccio Kanso – nei seguenti aspetti:

  • Si affrontano tematiche più generali, non limitate al tema digitale (da issue di business a temi di “general management”)
  • Si alternano momenti di confronto con attività specifiche (apertura di relazioni commerciali, problem solving di temi specifici, ….)

Per saperne di più scrivici a info@kanso.it